Vino per Santa Messa Rosso da 0,75 l
Vino per Santa Messa Liquoroso Dolce Rosso Bottiglia da 75 cl
Vino Sacramentale liquoroso dolce rosso intenso per la Santa Messa di qualità superiore, con garanzia di assoluta genuinità, regolato dalle leggi del Diritto Canonico.
Tappo in sughero richiudibile.
5,50 €
Vino per Santa Messa Liquoroso Dolce Rosso Bottiglia da 75 cl è acquistabile in confezione da 3 pezzi.
Assistenza Clienti
Diretta 800 933 392
Prodotti Garantiti
Qualità Italiana
Descrizione

Dettagli

Vino Sacramentale per la Santa Messa dal colore rosso intenso e dal gusto dolce, corposo e deciso, di qualità superiore, con garanzia di assoluta genuinità. Preparato, imbottigliato e sigillato secondo i dettami dell’art. 924 del Codice di Diritto Canonico, sotto il controllo del Direttore dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Mazara del Vallo.

Ingredienti: Vino Liquoroso Dolce Rosso, gradi 16% vol.
Bottiglia da 0,75 l
Tappo in sughero richiudibile
Confezione: cartone multipack contenente 3 bottiglie, realizzato con idoneo imballo, sicuro ed affidabile, che protegge le bottiglie dalle sollecitazioni a cui dovessero essere sottoposte durante la spedizione, prevenendo eventuali rotture.

Prodotto e confezionato per DYNAMIS S.r.l.


COMMUNIO: il Vino Sacramentale d’eccellenza

Autorizzazioni ed Attestati

Il marchio COMMUNIO è di proprietà di DYNAMIS S.r.l. che dispone di tutti i requisiti necessari alla produzione di Ostie e Particole per la celebrazione della Santa Messa ed a commercializzare il vino ad uso liturgico sacramentale:

  • Autorizzazione alla produzione di Ostie e Particole per la celebrazione della Santa Messa e a commercializzare il vino a uso liturgico sacramentale: Prot. n° I/98 del 12.06.1998 rilasciata dalla Curia Arcivescovile di Catanzaro - Squillace.

  • Attestato di commercializzazione del vino della Santa Messa, rilasciato dalla Diocesi di Mazara del Vallo alle sole aziende aventi i necessari requisiti.
    La validità di tale attestato è di un anno, il rinnovo non è automatico ma sempre vincolato al superamento di nuove verifiche da parte della Diocesi. È opportuno diffidare da chi produce o commercializza vino da Santa Messa che non presenti un’attestazione diocesana aggiornata alla più recente campagna vinicola.

  • Autorizzazione dell'Agenzia delle Dogane in relazione ai contrassegni dei prodotti alcolici: il Vino COMMUNIO riporta il tipico contrassegno di Stato “a fascetta” per la certificazione dei prodotti alcolici stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Italiano.


Le caratteristiche distintive dei vini COMMUNIO

Il Vino COMMUNIO viene preparato con uve scelte di Sicilia che ne garantiscono una elevata gradazione alcolica per assicurarne una buona stabilità nel tempo, anche dopo l’apertura della bottiglia, e per poter meglio resistere ai lunghi viaggi, alle variazioni e alle diversità climatiche.
L’elevata gradazione, abbinata alla densità dei sapori, richiama l’immagine dei vini prodotti ai tempi di Cristo, vini che pare fossero particolarmente corposi.
Nella sezione “DETTAGLI DEL PRODOTTO”, disponibile a fianco, viene riportata la scheda tecnica completa.


L’attenzione in tutte le lavorazioni

“Questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza”

In questa frase si coglie l’attenzione che è necessario dedicare a questo prodotto: il vino può arrivare all’altare solo dopo essere stato sottoposto a procedimenti accurati e controllati meticolosamente, dalla vinificazione all’imbottigliamento.
Al Vino COMMUNIO si dedica con cura amorevole il nostro enologo che segue tutte le fasi di lavorazione. Il rigido controllo della lavorazione e della qualità del prodotto è affidato all’Ufficio liturgico della Diocesi che, a ciclo di lavorazione ultimato, chiude i grandi vasi vinari imprimendo il sigillo della Curia di Mazara del Vallo. Ad ogni lotto di imbottigliamento, alla presenza del Direttore dell’Ufficio Liturgico, si tolgono i sigilli dal tino, si spilla il vino e si procede al riempimento e al sigillo di ogni bottiglia.


Vino COMMUNIO, rigorosamente “ex genimine vitis” come prescritto dal Diritto Canonico

“Prese il calice e rese grazie”

Il Vino COMMUNIO rispetta rigorosamente tutte le prescrizioni del Diritto Canonico, in perfetta coerenza con quanto la Chiesa ha espresso più volte nel corso del tempo:

“Il vino per la celebrazione eucaristica deve essere tratto dal frutto della vite (Cf. Lc 22,18), naturale e genuino, cioè non misto a sostanze estranee.”
(Tratto da ORDINAMENTO GENERALE DEL MESSALE ROMANO - Capitolo VI, I. Il pane e il vino per celebrare l’Eucaristia - Par. 322).

Durante il rito dell’Eucaristia, anche se in quantità contenuta, il vino naturale è simbolo, segno ed essenza e non può essere sostituito da altri distillati di prodotti affini.

Anche Papa Francesco, nel corso dell’Angelus di domenica 20 Gennaio 2019, ci ricorda:

“Le Scritture, specialmente i Profeti, indicavano il vino come elemento tipico del banchetto messianico (cfr Am 9,13-14; Gl 2,24; Is 25,6). L’acqua è necessaria per vivere, ma il vino esprime l’abbondanza del banchetto e la gioia della festa”.

La regola è chiara: “Vinum debet esse naturale de genimine vitis et non corruptum”, ovvero il vino deve essere naturale, frutto della vite e non alterato. (Can. 924 - §3).

Ciò è ribadito nella Lettera della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ai Vescovi sul pane e il vino per l’Eucaristia, 08.07.2017, disponibile a questo link.

N.B.
La vendita di alcolici è consentita solo a maggiorenni.

 
Dettagli del prodotto

Ulteriori informazioni

Tipologia Vino liquoroso dolce per Santa Messa
Contenuto 75 cl
Confezione Cartone multipack da 3 o 6 bottiglie
Marchio COMMUNIO®
Provenienza Made in Italy
Vitigni Nero d'Avola e Frappato, vinificate sotto il controllo della Curia Vescovile di Mazara del Vallo
Zona di produzione Sicilia Occidentale
Terreno e sistema di allevamento della vite Terre rosse siciliane, vite allevata con il sistema di coltivazione tradizionale
Periodo della Vendemmia Metà/fine Settembre
Pigiatura Soffice
Fermentazione e preparazione Molto lenta ed a temperatura controllata. Al raggiungimento della gradazione alcolica di 4° e un residuo zuccherino del 13%, si aggiunge alcool da vino per bloccare la fermentazione e raggiungere la gradazione alcolica di 16°.
Dati analitici Tenore Alcolico 16% Vol. - Zuccheri 13%
Colore Rosso intenso
Profumo Tipico, intenso leggermente fruttato
Gusto Deciso, dolce ed armonico
Temperatura di servizio Ambiente
Abbinamento La genuinità di questo vino è garantita dal certificato della Curia Vescovile che ne consente l'uso per la celebrazione della Santa Messa

Potrebbero Interessarti

-