Swipe to the left

Quaresima: appunti di viaggio in pandemia

Quaresima: appunti di viaggio in pandemia
Redazione 1 mese fa 13611 Visualizzazioni 1 commento

Ormai siamo al giro di boa di questa Quaresima 2021. E si, il termine non è a caso perché si tratta proprio di una traversata spirituale. Un viaggio di ricerca dentro di sé che in tempo di pandemia si fa ancora più intenso e urgente. Ecco quindi una piccola riflessione sui 40 passi che ci separano dalla Resurrezione.

40 è un numero importante che segna più punti nell’Antico e Nuovo Testamento.
Non solo sono 40 i giorni della Quaresima, ma anche quelli del Diluvio Universale, della sosta di Mosè sul monte Sinai, 40 giorni, la durata del viaggio per raggiungere la terra promessa, 40 i giorni di Gesù nel deserto e 40 infine i giorni in cui Gesù resta con gli apostoli prima di ascendere al cielo e inviare lo Spirito Santo.

A parlare dell’importanza del numero 40 è Papa Ratzinger nel suo libro Gesù di Nazaret che descrive questo numero come il numero del cambiamento, ovvero un numero composto da 4 come i punti cardinali che simboleggiano la Terra e 10 come i comandamenti, la legge di Dio.
40 quindi sarebbe il numero che indica come il mondo può cambiare attenendosi alla volontà del Signore.
Un numero significativo proprio per spiegare il senso della Quaresima.

La Quaresima è un viaggio, una via Crucis insieme a Gesù per ripercorrere e meditare sul mistero della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo, un viaggio che metaforicamente si compie ogni anno per ricordare il cammino della vita con lo sguardo quanto più possibile rivolto a Dio.

Gli strumenti per riflettere sul nostro viaggio sono il digiuno, la preghiera e l’elemosina non intesi solo in senso stretto, ma anche simbolico.

Digiunare dai piaceri o da ciò che distrae dallo spirito, purificarsi dalle cose inutili o dall’individualismo che spesso è un vero e proprio sottofondo della quotidianità, fare atti di generosità e servizio perchè in ogni fratello si può incontrare Dio come nella preghiera, sono gli spunti di riflessione che danno questi tre compagni di viaggio.

In un momento dove siamo più portati a stare a casa, come questo periodo di restrizioni sanitarie abbiamo non solo limiti ma anche un po’ più di tempo per la riflessione, la lettura biblica, l’affidamento al Signore al di là delle nostre paure, la possibilità di fermarci a riflettere su quanto abbiamo e quanto spesso ci lamentiamo senza accorgerci dei doni che ogni giorno riceviamo.
Ecco allora una bussola di viaggio per questa Quaresima ancora in pandemia perché possa essere un momento comunque di rinnovamento dello spirito in attesa della Resurrezione, sia di Cristo che dell’umanità!

“La Quaresima è un tempo propizio che deve condurci a prendere sempre più coscienza di quanto lo Spirito Santo ricevuto nel battesimo ha operato e può operare in noi”
[Papa Francesco ]

Non a caso, anche nella notte di Pasqua, come durante la notte di Natale si celebra il rito del Battesimo collettivo.

Che questa Pasqua possa essere un nuovo inizio per tutti!




Mirella Romano 29 giorni fa at 08:39
Profonda riflessione...che ci avvicina di più al mistero della VITA ,al mistero della S. Pasqua !!!
-